Ti trovi in:

Servizi demografici » Elettorale » Elezioni politiche del 4 marzo 2018

Elezioni politiche del 4 marzo 2018

di Martedì, 23 Gennaio 2018 - Ultima modifica: Lunedì, 26 Febbraio 2018
Immagine decorativa

Il Presidente della Repubblica, con decreti del 28 dicembre 2017, ha proceduto allo scioglimento del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati e alla convocazione dei comizi elettorali per il giorno di domenica 4 marzo 2018.

Per essere ammesso al voto ogni elettore dovrà esibire la tessera elettorale. N.B. Può votare l'elettore che, alla data di domenica 4 marzo, abbia compiuto i 18 anni (per la Camera dei deputati) e i 25 anni (per il Senato della Repubblica), sia iscritto nelle liste elettorali, e risieda nel comune di Sfruz.

Per assicurare il rilascio delle tessere elettorali ed il rilascio di eventuali attestati sostitutivi, gli uffici rimarranno aperti al pubblico nelle giornate di venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 marzo con il seguente orario:

venerdì 2 marzo dalle ore 8.30 alle ore 18.00

sabato 3 marzo dalle ore 9.00 alle ore 18.00

domenica 4 marzo dalle ore 7.00 alle ore 23.00

Immagine decorativa

Orario di apertura degli Uffici Comunali per il rilascio dei certificati di iscrizione nelle liste elettorali e per gli altri adempimenti relativi alla presentazione delle candidature

Immagine decorativa

Voto assistito al seggio e voto domiciliare

avviso 367,20 kB
Immagine decorativa

Manifesto di convocazione dei comizi elettorali

Immagine decorativa

Si rende noto agli elettori che si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche, nonché i loro familiari conviventi, in occasione delle Elezioni Politiche di domenica 4 marzo 2018 hanno la possibilità di esercitare il voto per corrispondenza.

Al fine di esercitare il voto per corrispondenza, gli interessati devono presentare apposita domanda al comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro il giorno 31 gennaio 2018.

Immagine decorativa

Gli elettori residenti all'estero votano per corrispondenza come stabilito dalla Legge 459/2001.  E' fatta salva la loro facoltà di venire a votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione, valida per un'unica consultazione. Il diritto di optare per il voto in Italia degli elettori residenti all'estero, ai sensi dell'art. 1, comma 3, della Legge n. 459 del 2001 deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all'indizione della consultazione elettorale - intendendo riferito tale termine alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di indizione e quindi entro l'8 gennaio 2018.